Lev Trotsky – A PROPOSITO DELLA FILOSOFIA DEL “SUPERUOMO”

“Koe-čto o filosofii ‘sverchčeloveka‘”. Scritto da Trotsky a ventun anni, durante la prima deportazione in Siberia, e pubblicato sotto lo pseudonimo di Antid Oto nel giornale di Irkutsk Vostočnoe Obozrenie, n. 284, 286, 287, 289 il 22, 24, 25, 30 dicembre 1900. L’autore lo inserì poi nel volume intitolato “La cultura del vecchio mondo” delleContinua a leggere “Lev Trotsky – A PROPOSITO DELLA FILOSOFIA DEL “SUPERUOMO””

SERPENTI A SONAGLI E INCANTATORI IMPROVVISATI

Come ampiamente prevedibile, la riduzione del bacino dei non ancora vaccinati ha operato come una bassa marea sulla “nave morta” della feccia piccolo-borghese e su alcune delle sue espressioni politiche, più o meno no-vax. Da un lato la scarsità di acqua rende più frenetiche, convulse e persino violente le operazioni per tenere la bagnarola aContinua a leggere “SERPENTI A SONAGLI E INCANTATORI IMPROVVISATI”

IL DISFATTISMO RIVOLUZIONARIO E GLI INSEGUITORI DI DISFATTE

C’è voluto il Covid per assistere allo spettacolo del più lurido, sconclusionato, farsesco fascistume nazionale indossare stelle di David e fare il saluto romano; gridare all’apartheid intonando “giovinezza”; insorgere contro la “dittatura sanitaria” al grido di “duce!”; sbraitare contro il vaccino che ti trasformerebbe in uno zombie mostrando alle telecamere sguardi vitrei, persi nel nulla;Continua a leggere “IL DISFATTISMO RIVOLUZIONARIO E GLI INSEGUITORI DI DISFATTE”